[recto]

[main de Ghino]

  + Al nome di Dio, amen. A dì XVIII di setembre 1385.

 A dì XVI del mese ricevetti una vostra, fatta a dì XIIII°, e quanto(a) dite ò visto. Apresso dove achade rispondo.

 Dite ch’io v’avisi se a questi tempi credo avere a venire chostà e che a voi sarebbe charo di chonferire cho∙ mecho alchuna chosa, e simile a me sarà assai a grado. Io aviso avere a venire chostà per alchuna facenda, forse per aventura inanzi che sia mezzo otobre. Avisate se(b) credete esere chostì o a Pisa(c).

 Quanto(d) dite de’ fatti d’Andrea, ò inteso. Io gli scrissi uno di questi(e) [dì] che lui atendesse(f) chon solicitudine a fare quello(e) che dié ; e chosì facemdo, voi chome avete fatto per lo passato, chosì gli farete per lo inanzi di bene i∙ meglio. Altro non dicho, se non che presto so’ a’ vostri chomandi. Christo vi guardi!

 Ghino di Bartolomeo / Ghini // di Siena, a’ servigi vostri aparechiato.

[verso]

[adresse]

 Framcescho di Marcho da Prato(g) in Firemze(h) propio

.G.

[main de Monte d’Andrea ; date de réception]

 1385, da Siena, dì XX di setenbre.

Risposto.

(a) Tilde superflu sur to. (b) Suivi de vi rayé. (c) Suivi de nom rayé. (d) Tilde superflu sur nto. (e) Hampe du q barrée. (f) ate avec tilde superflu sur le e en fin de ligne. (g) Hampe du p barrée. (h) Tilde superflu sur em.