[recto]

[main de Ghino]

  + Al nome di Dio. A dì XXVII di ferraio 1387.

 A dì XXVI ricevetti Ia tua letera, risposta di Ia te ne mandai, e quanto(a) per essa di’ ò bene intexo. Apresso ti rispondo.

 Intorno(b) a la facienda ti scrissi ò intexo, e tutto quello(a) che aviene si vole(c) reputare per lo meglo(d). Non fa forza, ché bene ò speranza in Dio che mi farà del bene.

Tu di’ che ti maravigli ch’io ti fei scrivare a Bartalomeo tuo. Sia avisato che Bartalomeo(e) lo scrisse per sua bontà(f), non che per me li fusse detto però che da te a me non farei diferenzia, ché ogni hora chon sicurtà chome me medesimo(g) ti richiedarei.

 Quanto(a) di’ sopra(h) a’ fatti d’Andrea ò intexo(i). Scritto gli ò il mio parere. Non ti sia grave a scrivarlli alchuna volta quando(a) vedi che bisogno facci.

De’ danari de l’erede di Nofri [di Puccio Monachini] dici non chale pensare. Non si può più che Idio voglia, ma per certo(j) egli è male fatto che i parenti suoi abino auto il suo e ora non si trovi chi voglia esere sua rede.

 Altro(c) non vegio ave[r]ti a dire. So’ a’ tuoi chomandi. Statti atexo, se per le mani(k) ti venise niente fusse per l’amicho tuo, e me n’avisa. Christo ti guardi!

 Ghino di Bartalomeo di Vinegia

[verso(l)]

[adresse]

 Stoldo(m) di Lorenzo al fondacho di Francescho da Prato(n) in Firenze propio

.G.

(a) Hampe du q barrée. (b) Tilde superflu sur rno. (c) Tilde superflu sur le o. (d) Tilde superflu sur glo. (e) Tilde superflu sur eo en fin de ligne. (f) Tilde superflu sur onta. (g) Tilde superflu sur mo. (h) Hampe du p barrée et tilde pour r. (i) Tilde superflu sur exo. (j) Tilde superflu sur rto. (k) Tilde superflu sur ani. (l) Le revers comporte par ailleurs onze lignes de chiffres disposées en travers du feuillet, en haut et sur le côté droit. (m) Tilde superflu sur le premier o. (n) Tilde ondulé superflu sur p(r)a.