[recto]

[main de Ghino]

  + Al nome di Dio. A dì [***] di novembre 1388.

 In questa ti mando Ia letera scrivo ad Andrea a Vignone, la quale(a) ti pregho che mandi per lo più salvo modo che si può, per modo che se possibile è non vengha inn altre mani che ne le sue.

 E esse [sic] la mandi là a nesuno tuo amicho, non ti gravi a scrivarlli la facci’ dare a lui e none ad altri, e che ti risponda.

 Altro(b) non dicho. So’ a’ tuoi chomandi. Christo ti guardi!

 A dì 17 te ne scrissi Ia. Penso l’arai auta e risposto.

 Ghino di Bartalomeo di Siena, salute.

[verso(c)]

[adresse]

 Stoldo(d) di Lorenzo a quel di Framcescho da Prato in Firenze propio

[main de Monte d’Andrea (?) ; date de réception]

 1388, da Siena, a dì XXIII di nove[n]b[r]e.

(a) Hampe du q barrée. (b) Tilde superflu sur le o. (c) Le revers comporte également un essai de plume, de la main ayant écrit la date de réception : Cicciany. (d) Tilde superflu sur le premier o.