[recto]

[main de Ghino]

  + Al nome di Dio, amen. A dì [***] d’ottobre 1383.

 A’ dì pasati ricevetti una vostra letera, e quanto(a) per essa dite ò bene inteso. Apresso dove bisognia(b) rispondo.

 Avisato sono(c) come la letera andava a Francescho mandaste subito, e simile quella(a) andava ad Amdrea a Vignione. Sia con Dio(d)!

 E simile so’ avisato chome avete a questi(a) dì aute letera da Vignone di mano d’Andrea e come lui vi chonta sta bene, di che sia lodato Idio(d)! Dite la moria è là e che 40 in 50 per dì ne moiono(e), la quale(a) chosa forte mi dispiace. Idio per la sua pietà s’è di suo’ piaceri la cesi e inde e d’ogni altra parte!

 E più dite voi, Mateo [di Lorenzo Boninsegna], che aveste Ia letera da vostro zio [Boninsegna di Matteo Boninsegna] e che lui vi conta che uno vostro(f) fratello è là1 e Amdrea ebono (?)(g) ne’ dì pasati tre dì la frebbe e che Idio grazia liberi sono(e), e di ciò(d) sia lodato Idio(h)! Apresso dite, se altro ne sentirete, ma [= me] n’avisarete, e di ciò(d) vi pregho quanto(a) posso, e per certo en gran pensiero ne sto. Io vi pregho(i), se nulla ne sentite o se novella nesuna avete di lui, non vi sia grave avisarmene.

 Del nome del vostro di Milano(d) sono avisato come è Basciano da Piscina, e ben cognosciamo(j) Basciano, ma non sapevo(d) fusse l’amico vostro. Altro per questa(a) non chale dire. Idio vi guardi!

 Ghino di Bartalomeio / Ghini // di Brescia, a’ vostri piacer(i).

[verso]

[adresse]

 Francescho di Marcho e compagni da Prato(k) inn Pisa

.G.

[main de Stoldo di Lorenzo (?) ; date de réception]

 1383, da Brescia, dì 21 ottobre.

(a) Hampe du q barrée. (b) Tilde superflu sur nia. (c) Tilde superflu sur no. (d) Tilde superflu sur le o. (e) Tilde superflu sur le o final. (f) Tilde superflu sur le premier o en fin de ligne. (g) Mot corrigé sur ed[.]to (?). (h) Tilde superflu sur le o. Suivi de apiu (?) (Hampe du p barrée) rayé. (i) Tilde superflu sur le e en fin de ligne. (j) Tilde superflu sur le deuxième o en fin de ligne. (k) Tilde ondulé superflu sur ato.

1 . Il s’agit du jeune Tommaso di Lorenzo Boninsegna, plus tard appelé Priore.