[recto]

[main de Ghino]

  + Al nome di Dio, amen. A dì 26 d’aghosto 1383.

 Di Siena vi scrissi e per lo fondacho e per me quanto(a) fu di bisognio, e da voi non ò di puoi letera, sì che per questa(a) chale breve dire.

 In questa(a) saranno due letere : l’una va a mio fratello a Vignone e l’altra a a [sic(b)] F[r]ancescho vos(t)ro. S’è chostì, datelili, e se non, mandatele dove lui è. Quella(a) di mio fratello vi pregho mandiate per modo salvo il più(c) [presto] che si può(d) però ch’è di gran bisognio.

 Altro(e) non dicho. Idio v’alegri!

   Ghino di Bartalomeio / Ghini di Siena // in Brescia, salute.

[verso]

[adresse]

 Francescho di Marcho da Prato(f) e compagni in Pisa

.G.

[main de Stoldo di Lorenzo ; date de réception]

 1383, da Brescia, a dì 17 di settenbre.

Risposto.

(a) Hampe du q barrée. (b) Répétition de part et d’autre d’une rupture de ligne. (c) Tilde superflu sur vo ilp. (d) Tilde superflu sur uo. (e) Tilde ondulé superflu sur tro. Tilde superflu sur p(r)ato.