[recto]

[main de Ghino di Bartolomeo (?)]

  + Al nome di Dio, amem. A dì XX di gennaio 1385.

 Per li dì passati v’abiamo(a) scritto(b) quanto(c) è suto di bisognio, e di novo da voi none abiamo, sì che per questa(c) diremo breve.

 Per più letere v’abiamo richordato chome presti siamo a servirvi(d) : a voi sta il chamandare [sic]. S’aveste bisognio(e) d’ac[i]ari o d’altra chosa di qua(c), richiedete sichuramente, ché chon amore e cho[n] solicitudine vi serviremo(f), e questo(c) vedrete per efetto.

 Ne l’ultima nostra letera vi dicemo chome chostà mandavàno a Bartalomeo(e) di Nicholò(g) e compagni fardelli 57 d’ac[i]ari di più maestri, e quali(c) vi di[c]emo che(h) ghuardaste, e se fusero chosa che facesse per voi, che voi ve li faceste dare, e subito ve ne diremo conto(i) ; e se voleste(f) ac[i]ari di detta o d’altra, richiedeste, e subito sareste forniti. Questo(c) vi scrivemo perché da’ nostri di Siena fumo avisati che l’avate scritto di volere(f) da noi certi ac[i]ari.

 Avisateci per la prima(j) se so’ chose che facino(f) per voi ; e se volete che ve ne mandiamo(f) o di quelli(c) o d’altri. Altro(f) non diciamo. Christo vi guardi!

 Per Bindo Tucci di Brescia.

[verso]

[adresse]

 Framcescho di Marcho da Prato(k) e compagni in Pisa

 (marque de la compagnie Bindo Tucci)

[main de Stoldo ; date de réception]

 1384, da Brescia, a dì XIIII di febraio.

Risposto.

(a) Tilde superflu sur mo. (b) Tilde superflu sur itto. (c) Hampe du q barrée. (d) Tilde superflu sur virvi. (e) Tilde superflu sur le o final. (f) Tilde superflu sur le o. (g) Tilde superflu sur le premier o. (h) Mot suivi à la ligne suivante de q(u) rayé. (i) Tilde superflu sur to. (j) Tilde superflu sur p(r)i. (k) Tilde ondulé superflu sur p(r)a.