[recto]

[main de Battista]

  Al nome di Dio, amen. A dì 30 di março 1385.

 Da ppoi che qua fui, none essendo la sella de∙ ronçino qui, mandamo Matteo per essa. Trovò che ‘l vostro di [sic] l’avea mandata chostà a voi perché Mino di Simone ne viene a sSiena e mena secho uno gharçone chon una sua valigietta, sicché il(a) gharçone el chavalcharà chon quella sella ed io chavalcharò uno altro.

 E però, se lla detta sella avete chostà, fate di mandarlla a sSiena in presente, ché, sse io el potrò vendare, el vendarò chon chotesta sella. E sse voi l’aveste mandata qua prima che questa lettara auta abbiate, ò llassato qui a Iachopo la mi mandi presta. E da ppoi che ssarò a sSiena, di tutto v’avisarò. Altro non chale dire. So’ a’ servigi vostri. Achomandovi a Dio.

 Battista d’Andrea / per voi // di Firençe, salute.

[verso]

[adresse]

 Franciescho di Marcho da Prato in Pisa. R.

 (marque de la compagnie Battista d’Andrea)

[main de Francesco ; date de réception]

 1385, da Siena [sic], a dì primo d’aprile.

 Risposto.

(a) Tilde superflu sur le i.